L’abisso sul nulla

La storia qui pubblicata risale al 1999. Rimasta chiusa in un cassetto per un decennio, mi è balzata tra le mani, quasi avesse vita propria, durante un recentissimo trasloco. I testi sono del sottoscritto e i disegni sono firmati da Fabrizio Fabbri. Sarebbe dovuta comparire sulle pagine di Fahrenheit 451, periodico diretto da Davide Castellazzi, edito da Innovation Studio. Purtroppo, la prematura chiusura della testata ne ha impedito la pubblicazione. La propongo ora, nella versione originale, nonostante la voglia di riscrivere parte dei testi sia stata davvero forte. (GF)

© Gabriele Ferrero e Fabrizio Fabbri

2 comments

  1. Reply

    Buongiorno signor Ferrero, non mi soffermerò sui soliti quanto meritati complimenti per i suoi lavori nell'ambito del fumetto e dell'editoria a fumetti. Un frequentatore del mio blog mi ha fatto notare che una storia breve che ho postato un po' di tempo fa è molto simile nel soggetto a "L'ABISSO SUL NULLA" sebbene non nella realizzazione grafica. (http://marcopugliese.blogspot.com/search/label/Fumetti%20acquarellati) Intanto la cosa mi ha inorgoglito un bel po'(ho avuto la stessa pensata di un professionista vero!), in secondo luogo volevo assicurarle che si tratta di un caso e in nessun modo volevo plagiare/copiare/ledere il copyright della storia scritta da lei e disegnata da Fabrizio Fabbri. (vorrei sottolineare il fatto che non c'è assolutamente nessuna intenzione di confronto tra i due lavori, ci mancherebbe voi siete dei professionisti affermati, io sono soltanto un aspirante tale).La ringrazio per l'attenzione, e appena aggiorno la lista dei link ai blog che seguo la infilo di diritto.Marco Pugliese

  2. Reply

    Gentile Marco, innanzitutto spero di poterti dare del tu, cosa che mi viene più facile. Allora, ho confrontato le due storie e, sebbene l'idea di fondo sia simile, mi sembra che abbiano sviluppi ben diversi. Ritengo, quindi, che non si possa parlare di plagio ma di semplice coincidenza. Inoltre, dimostri di avere già una certa disinvoltura nella narrazione e un segno grafico molto personale. Direi che il tuo lavoro dimostra già una discreta matutità stilistica. La tua età lascia anche notevoli spazi di maturazione. Quindi, sono io che mi complimento con te e ti ringrazio per le tue buone parole.Buon lavoroGabriele FerreroPS. Ora che lo conosco, darò anch'io un'occhiata di tanto in tanto al tuo blog.

Lascia un commento

Your email address will not be published.